EikonCultureVisualReflections

 

LA FORZA DELLA NATURA: ESPLOSIONE FREATICA SULL’ETNA

di vito finocchiaro

THE STRENGTH OF NATURE: PHREATIC EXPLOSION ON ETNA

by vito finocchiaro

Un incessante percorso, il mio, tra i sentieri dell’Etna, il nostro “Gigante buono”, la cui immensa bellezza si canta da secoli e il cui “essere” da sempre affascina noi uomini, avidi di conoscere i suoi più intimi meandri. Una terra, questa, ricca di contrasti, fonte inesauribile di dualismi, ma al contempo misteriosa e feconda. Non c’è un solo giorno in cui noi, Genti dell’Etna, non alziamo lo sguardo al cielo, consapevoli che qui, da un momento all’altro, tutto può accadere. Qui, in un istante, può spezzarsi un equilibrio e impotenti non ci resta che assistere all’incommensurabile forza di Colei che domina su questi luoghi: A Muntagna. Un posto unico al mondo, dove ci si sente sospesi tra cielo e terra, perché mentre ne ammiri la potenza e i segreti, tra i paesaggi lunari delle distese di lava e i suoi crateri, puoi anche osservare l’orizzonte del mare. Un territorio dove la forza della natura mescola i suoi elementi creando paesaggi dai contrasti forti e dove fantasia e psiche, dando vita ad immagini surreali e sfuggenti, regalano emozioni indimenticabili. Tra questi luoghi, fotografandone l’essenza, in un giorno che sembrava come tanti, ho toccato con mano la forza della natura. Sabato 18 marzo 2017, durante una documentazione dell’eruzione, un cambiamento nel percorso di ritorno  mi ha coinvolto in un evento eccezionale: un’esplosione freatomagmatica. La decisione per un tragitto più lungo, ma meno faticoso e all’improvviso la presa di coscienza che, dietro ad un cratere, a quota 2500 metri, sta accadendo qualcosa... del fumo bianco comincia a sollevarsi dal terreno. Mille pensieri e una decisione da prendere. Il fumo bianco aumenta, si  espande, riprendo in mano la mia macchina fotografica. Voglio documentare quanto sta accadendo. Un’altra frazione di secondo e poi un’esplosione terribile alle mie spalle. Un’istantanea espansione di vapore dà vita ad una gigantesca e spettacolare nube, dal colore grigio rossastro, che si solleva dal fronte lavico e con la velocità di un lampo si propaga tutt’intorno, avvolgendosi su se stessa  mentre sale verso il cielo. Una frana di lava incandescente si è scontrata con i blocchi di neve. La differenza di temperatura fra il magma e il manto nevoso ha provocato uno scoppio violentissimo. Secondi che sembrano non avere fine. Vapore, acqua, cenere, schegge incandescenti schizzano ovunque. Come un Gigante che si solleva da terra, le sue braccia possenti avvolgono la funivia. Rimango immobile, con lo sguardo immerso nella grandezza di quella potenza e mi rendo conto di quanto noi uomini siamo piccoli e impotenti di fronte a tanta maestosità. Vedo la nube dirigersi verso il Golfo di Catania, passa davanti ai miei occhi, offusca il cielo.  Una speranza...che il vento non cambi prima della nostra discesa...

Mine is an endless way, among the path of Etna, our “Good Giant”, whose immense beauty has been told for centuries and whose “essence”still fascinates humans, eager to know its twists and turns. This is a contrasting land, an unlimited source of dualism, mysterious and fertile at the same time. Hardly a day goes by that we, Genti of Etna, do not raise our eyes to the sky, conscious of the fact that here anything could happen abruptly. Here, a balance can be broken in a blink of an eye and it only remains for us, powerless people, to witness the immeasurable strength of the One who overlooks such places: A Muntagna. A place, unique of its kind, where you feel suspended halfway between sky and earth, as while you are admiring her power and secrets, amid lunar landscapes of the lava fields and its craters, you are able to observe the horizon of the sea. A land where the strength of nature mixes its elements creating contrasting sceneries and where fantasy and psyche give life to surreal and shifty images, andunforgettable feelings. On an apparently ordinary day,wandering around these places andtrying to photograph their essence, I touched the strength of nature. Saturday 18th March 2017, in the middle of a picture story work about the eruption, a change of the path on the way back involved me in an extraordinary event: a phreatomagmatic eruption. Choosing a longer but less tiring route suddenly turns into the awareness that, behind a crater, at an altitude of 2500meters, something is happening... the white smoke starts rising from the ground. Thousands thoughts and a decision to take. The white fume increases and spreads, I take my camera. I want to immortalize what is happening. In a split second a terrible explosion behind me. A momentary vapour expansion creates a huge and spectacular grey-reddish cloudwhich rises from the lava front and with lightning speed spreads in all directions, wrapping around itselfby rising to the sky. A glowing lava landslide crashed into the snow blocks. The difference of temperature between the magma and the blanket of snow produced an extremely violent burst. Endless moments. Vapour, water, ash, white-hot flakes everywhere. Like a Giant lifting himself from the ground, his powerful arms envelope the cableway. I stand stock-still, staring at that great power e and I realise how small and helpless we are facing such majesty. I see the cloud heading for the Gulf of Catania; it passes bymy eyes, darkening the sky.We wish the wind did not change before we go down...

Etna Sud La colata lavica si riversa nella Valle del Bove. In primo piano la neve  mista alla recente sabbia vulcanica.

South Etna. The lava flow pours into the Bove Valley. In the foreground the snow mixed with the recent volcanic sand.

Etna Sud La colata lavica si riversa nella  desertica Valle del Bove.

South Etna. The lava flow pours into the desert Bove Valley.
Etna Sud Braccio lavico a quota 2600 mt slm. In primo piano un gatto delle nevi ricorda la piccolezza dell’uomo di fronte all’intangibile maestosità della natura.
South Etna. Lava arm, at an altitude of 2600 meters. In the foreground a snowmobile compares the smallness of man in front of the intangible majesty of nature.

Etna Sud, Braccio lavico a quota 2600 mt slm. Nel suo lento avanzamento la lava incontra i blocchi di ghiaccio e provoca piccole esplosioni freatiche.

South Etna. Lava arm, at an altitude of 2600 meters. In its slow advancing the lava meets the ice blocks and causes small phreatic explosions.

Colata lavica quota 2600 mt In alto a destra uno spettacolare anello di fumo Un’aureola di vapore generata dalle esplosioni provenienti da piccole aperture sul vulcano.

Lava flow. Top right hand corner a spectacular steam ring. A halo generated by explosions coming from small openings on the volcano.

Etna Sud La colata lavica si riversa nella Valle del Bove Sullo sfondo dietro la nubi i Comuni di Mascali Giarre e Riposto.

South Etna. The lava flow pours into the Bove Valley. In the background, behind the cloud, the Towns of Mascali, Giarre and Riposto.

Sud dell'Etna, alta 2500 metri. Spettacolare e violenta, esplosione phreatomagmatica all'interno della Valle di Bove, generata dall'interazione tra magma e neve. Una reazione violenta che porta all'immediata evaporazione dell'acqua e solleva una nuvola gigante di vapore che si espande a velocità molto elevata.

South Etna, 2500 meters high. Spectacular and violent, phreatomagmatic explosion within the Bove Valley, generated by the interaction between magma and snow. A violent reaction that leads to the immediate evaporation of water and raises a giant cloud of steam that expands at very high speed.

Etna Sud La spettacolare nube dell’esplosione freatomagmatica si espande coinvolgendo gli impianti di risalita della funivia.

The spectacular cloud of phreatic explosion involves cableway installations.

Etna Sud La minacciosa e spettacolare nube dell’esplosione freatomagmatica si espande dirigendosi verso il Golfo e la città di Catania.

The scary cloud of the phreatomagmatic explosion expands towards the Gulf and the city of Catania.

 

 

Back

2017 © vito finocchiaro

 

 

vito.finocchiaro@eikonculture.com